STORIA


L'Istituto dei Sordi di Torino ha sempre avuto una fornita biblioteca specializzata sulla sordità, nata già nei primi anni della fondazione, soprattutto come servizio per il personale docente delle scuole dell'Istituto stesso.

 La biblioteca è sempre stata tenuta aggiornata, come si è rilevato da alcuni tentativi di catalogazione fatti nel passato; in questo modo il suo patrimonio librario è andato via via arricchendosi di documenti, tra cui dispense di corsi, manuali di didattica speciale, saggi di audiologia e ogni tipo di pubblicazione che riguardasse la sordità.

 Nel 1999 si è iniziato un primo riordino dei volumi e delle riviste, concentrando inoltre in un unico locale i libri conservati in varie parti dell'Istituto.

La biblioteca è sempre stata tenuta aggiornata, come si è rilevato da alcuni tentativi di catalogazione fatti nel passato; in questo modo il suo patrimonio librario è andato via via arricchendosi di documenti, tra cui dispense di corsi, manuali di didattica speciale, saggi di audiologia e ogni tipo di pubblicazione che riguardasse la sordità. Nel 1999 si iniziò un primo riordino dei volumi e delle riviste, concentrando inoltre in un unico locale i libri conservati in varie parti dell'Istituto.

Da una prima analisi dei materiali conservati è emersa subito la grande ricchezza e importanza del fondo librario, in particolare per quanto riguarda la parte più antica della biblioteca.

Il materiale conservato è principalmente costituito da:

- saggi e manuali di pedagogia e di riabilitazione del sordo;

- riviste e giornali specializzati, sia estinti che tuttora editi, che contano più di cento testate periodiche;

- articoli specifici tratti da riviste e giornali non specializzati;

- tesi di laurea e di specializzazione sulla sordità;

- vocabolari di Lingua dei Segni, di cui numerosi stranieri;

- leggi, ordinamenti e circolari sull'handicap;

- materiali cartacei vari come volantini, annunci di corsi, convegni, pubblicità di protesi acustiche.

 

Visite guidate
Nei locali della biblioteca è presente un’esposizione permanente di materiali d’interesse storico-culturale relativi all’Istituto, alla storia dei sordi e a quella della loro educazione e all’antico laboratorio di legatoria e tipografia che funzionò da fine ‘800 fino agli ’60 del ‘900.

Sono possibili visite guidate gratuite (in Italiano, Inglese e in LIS) su richiesta e con appuntamento .


Cobis

Dal mese di dicembre 2009, l'Istituto dei Sordi di Torino con la sua biblioteca specializzata è membro del COBIS - Coordinamento delle biblioteche speciali e specialistiche torinesi.

 

Guarda la pagina dedicata alla nostra biblioteca sul sito del Cobis:

www.cobis.to.it/Web/Biblioteche_aderenti/Fondazione_Istituto_dei_Sordi_di_Torino